| Home | Cerca | Galleria Immagini | The Mellophonium Bookshop |
domenica 20 giugno 2021
Direttore: Romano Lupi
Responsabile online: Marco Scolesi
| News | Articoli | Rassegne | Recensioni | Interviste |
Il 9° Torino Jazz Festival dal 19 al 27 giugno. Inaugura Petrella "Cosmic" con un doppio live
Scritto da Marco Scolesi   
venerdì 18 giugno 2021
TORINO - Dal 19 al 27 giugno si terrà la nona edizione del Torino Jazz Festival, un omaggio al jazz in tutte le sue declinazioni espressive. Nel cartellone, che recupera in gran parte quello programmato per l’edizione 2020, poi rinviato a causa emergenza Covid-19, sono presenti grandi musicisti italiani e internazionali, artisti di ricerca e talenti piemontesi. I nove giorni di programmazione saranno, come sempre, ricchissimi di produzioni originali. Il festival nelle ultime edizioni ha conquistato, grazie alla sua attenzione al contemporaneo, una precisa identità nel panorama internazionale dei festival jazz. Diretta dai musicisti Giorgio Li Calzi e Diego Borotti, la rassegna jazz porterà grandi artisti a esibirsi, a prezzi popolari, sui palchi delle OGR, del Conservatorio Giuseppe Verdi e del Teatro Vittoria. Il festival - che propone in calendario grandi concerti di artisti nazionali e internazionali (i musicisti coinvolti saranno circa 150), Torino Jazz Meetings (dove si incontreranno gli operatori del settore), Jazz Talks e mostre fotografiche - è un progetto del Comune di Torino realizzato dalla Fondazione per la Cultura Torino. L’edizione 2021 cresce e dedica grande spazio all'aspetto formativo e ai giovani musicisti che studiano il jazz e ne praticano le forme espressive. La rassegna sarà organizzata osservando le più scrupolose norme di sicurezza per il pubblico, gli artisti e il personale al lavoro.

IL PROGRAMMA

Il programma del Torino Jazz Festival, presenta: Gianluca Petrella Cosmic Renaissance (sabato 19 giugno ore 17.30 e ore 21, Conservatorio Giuseppe Verdi), Erios Junior Jazz Orchestra featuring Joan Chamorro (domenica 20 giugno ore 15, Conservatorio Giuseppe Verdi, produzione originale), Luigi Martinale Quartet Guest Stefano "Cocco" Cantini più Classwing Ensemble più Pino Ninfa (domenica 20 giugno ore 21, Conservatorio Giuseppe Verdi), Gianluigi Trovesi, Filarmonica Trt, Fabrizio Bosso "Berg Heim: una piccola Montagna Magica" (lunedì 21 giugno ore 17, prova aperta e ore 21, OGR, coproduzione Filarmonica Trt e Torino Jazz Festival), Robert Henke "Cbm 8032 AV" (martedì 22 giugno ore 21, OGR), Uri Caine, Furio Di Castri, Andy Sheppard "Five Visions"  (mercoledì 23 giugno ore 17.30, Conservatorio Giuseppe Verdi, produzione originale), Emanuele Cisi e Roberta Gambarini "No Eyes" (mercoledì 23 giugno ore 21, OGR, produzione originale), Bireli Lagrene e Charlier-Sourisse Multiquarium Big Band "Remember Jaco Pastorius"  (giovedì 24 giugno ore 17.30 e 21, OGR, prima italiana), Donny Mc Caslin Quartet guest Gail Ann Dorsey "Bowie's Blackstar" (venerdì 25 giugno, ore 17.30 e ore 21, OGR, produzione originale), Nate Wood "Four" (sabato 26 giugno  ore 11.30 e ore 15, Teatro Vittoria, prima italiana), Arto Lindsay and Band (sabato 26 giugno ore 17.30, OGR, unica data italiana), Zig Zag Power Trio featuring Vernon Reid, Will Calhoun e Melvin Gibbs (sabato 26 giugno ore 21, OGR), Roberto Dani "Solo" (domenica 27 giugno ore 11.30 e ore 16, Teatro Vittoria), Salif Keita "Un Autre Blanc", opening Korabeat (domenica 27 giugno ore 17.30 e ore 21, OGR, unica data italiana).

JAZZ TALKS

Oltre ai concerti il pubblico potrà seguire i Jazz Talks ai quali interverranno il filosofo ed esperto di teoria dell'evoluzione Telmo Pievani (20 giugno), Robert Henke che dialogherà con l’artista e sound designer Giorgio Sancristoforo (21 giugno), il fotografo Guido Harari che converserà con Stefano Salis, giornalista del Sole 24 Ore (26 giugno), il musicologo Stefano Zenni che racconterà la figura di Charlie Parker (27 giugno).

TORINO JAZZ MEETING

Ad arricchire il festival anche i Torino Jazz Meeting: due giorni di convegni in streaming sul jazz che coinvolgeranno gli addetti ai lavori, i soci dell’associazione nazionale I-Jazz e il network degli operatori  regionali coordinati da Piemonte Jazz.

"JAZZ E' RICERCA"

"Jazz è ricerca" è una mostra fotografica che espone nelle stazioni della metropolitana gli scatti di Massimo Forchino a sostegno della ricerca scientifica di Fondazione Ricerca Molinette. Le immagini scelte hanno l'obiettivo di esplorare il legame esistente tra i mondi solo apparentemente distanti della musica jazz e della ricerca scientifica.

LISETTE MODEL

Durante il festival, nello spazio espositivo di Camera-Centro Italiano per la Fotografia, si potranno ammirare gli scatti di Lisette Model. Fra i tanti personaggi ritratti dall'artista sono esposti in mostra anche alcuni dei grandi nomi del jazz come Bunk Johnson, Count Basie, Dizzy Gillespie, Bud Powell, Percy Heath, Chico Hamilton, Ella Fitzgerald e Louis Armstrong. Seguendo questa suggestione, in occasione del Torino Jazz Festival, a Camera, è possibile scaricare attraverso QR Code una playlist a tema jazz selezionata dai direttori artistici del Torino Jazz Festival.

IL JAZZ E' LIBERTA'

“Il jazz è sempre stato sinonimo di terra di confine e libertà di espressione. E mai come oggi, anche la parte fortunata del pianeta, il nostro mondo occidentale, ha compreso l'importanza di poter varcare un confine per sentirsi liberi, una piccola cosa rispetto a chi fugge dalla disperazione per migliorare la propria condizione e quella dei propri figli - dichiara Giorgio Li Calzi -. Il jazz rappresenta nella musica quella libertà che nasce dall’imprevisto della vita, elemento destabilizzante che genera anticorpi e adattamento insieme alla speranza e alle condizioni di poter creare una nuova società e un nuovo linguaggio. Fondamentalmente i cicli della storia si ripetono, ma per fortuna i mutamenti creano nuove forme di vita. Quest’anno nonostante le mille difficoltà e regole che ci hanno imposto capienze, orari legati a coprifuoco, viaggi di artisti impossibilitati dalla pandemia, il festival si presenta in forma smagliante e più vario e multidisciplinare che mai. Intanto giovani artisti torinesi di fama internazionale comunicano l'immagine del Torino Jazz Festival, i Bounty Killart con le loro irriverenti sculture rappresentano la visualizzazione di un contenuto che è effettivamente un New Classic Jazz, un jazz che esplora nuovi percorsi contemporanei. E ancora il talento fuori da ogni confine di Donato Sansone che ha prodotto il teaser con le musiche di Enrico Ascoli che ha usato i campionamenti del sax di Diego Borotti e della tromba del sottoscritto. I caratteri di unicità come sempre sono una cifra del Torino Jazz Festival: primi concerti italiani e europei, produzioni originali, 2 concerti di sola batteria di matrice artistica opposta, un grande filosofo evoluzionista che racconta il nostro cammino umano fatto di migrazioni, un guru della musica digitale che oltre a suonare spiega come creare nuovi linguaggi usando strumenti classici, e inoltre la nostra prima produzione originale internazionale, avendo chiesto ai musicisti di Blackstar di Bowie, di suonare con la mitica bassista che ha accompagnato per anni il Duca Bianco. Questo e molto altro. Vi aspettiamo, per un festival contemporaneo fortemente ancorato al terreno e pensato per una collettività che ha voglia di conoscere tutto ciò che sta intorno a sé e tutto ciò che sta al di fuori di un semplice concerto”.
 
Laigueglia: il Percfest 2021 dal 30 giugno al 4 luglio con due doppi concerti a sera. Il programma
Scritto da Adriano Ghirardo   
lunedì 31 maggio 2021
LAIGUEGLIA - Finalmente ci siamo! Dopo una edizione rimandata e poi annullata causa pandemia Covid-19 siamo pronti ad assistere al venticinquennale di una delle rassegne più importanti e amate dagli appassionati di jazz liguri e non solo, il Percfest di Laigueglia. E il direttore artistico Rosario Bonaccorso, con grande impegno e tenacia, è riuscito ad organizzare un programma di assoluto livello per le serate che vanno dal 30 giugno al 4 luglio. Per ovviare alle limitazioni causate dal Covid-19 il palco di piazza Marconi offrirà, ogni sera, due doppi concerti (20.30-21.45 e 22.15-23.30) con artisti italiani e internazionali. Ecco il programma completo.

PERCFEST - 30 GIUGNO

Dado Moroni Quintet (guest Peter Bernstein) con Emanuele Cisi, Riccardo Fioravanti ed Enzo Zirilli
Bil Aka Cora e Mezclando Cuba “Africa, madre terra, madre musica”

PERCFEST - 1 LUGLIO

Jacky Terrasson-Stephane Belmondo Duet “Mother”
Rosario Bonaccorso, Olivia Trummer, Fulvio Sigurtà “The sound of us”

PERCFEST - 2 LUGLIO

Jani Mc Pherson “piano solo”
Francesco Fratini Quartet featuring Domenico Sanna, Giuseppe Romagnoli, Matteo Bultrini “The best of all possible worlds” (Jando Music-10 years celebration)

PERCFEST - 3 LUGLIO

Olivia Trummer solo “Close to you”
Rosario Bonaccorso Quartet featuring Fabrizio Bosso “Travel Notes” con Andrea Pozza e Nicola Angelucci

PERCFEST - 4 LUGLIO

Emanuele Cisi & Eleonora Strino “Tea for two”
Jesse Davis Quartet "A Charlie Parker tribute" (Bird 100 plus one)

Per informazioni e acquisto biglietti www.percfest.it.
 
© 2021 The Mellophonium Online | P.I. 01241050085

 
Iscritto all'Albo della stampa periodica del Tribunale di Sanremo. Autorizzazione n° 1/03 del 4.2.2003
Seguici su: