| Home | Cerca | Galleria Immagini | The Mellophonium Bookshop |
domenica 16 giugno 2024
Direttore: Romano Lupi
Responsabile online: Marco Scolesi
| News | Articoli | Rassegne | Recensioni | Interviste |
Interviste
Intervistando: Rosario Bonaccorso, "Percfest 2024 e nuovo cd. Due emozioni, una grande avventura"
Scritto da Marco Scolesi   
venerdý 14 giugno 2024
LAIGUEGLIA - Tra pochi giorni, dal 20 al 23 giugno, a Laigueglia si svolgerà l'edizione 2024 del Percfest. Ne abbiamo parlato con il direttore artistico, il contrabbassista jazz Rosario Bonaccorso, che in questo periodo vive giornate febbrili, diviso tra gli impegni per il Percfest, l'uscita del nuovo cd e l'attivitá concertistica e di promozione.

Ciao Rosario, riparte il Percfest, appuntamento imperdibile per gli appassionati di jazz del Ponente Ligure (e non solo), che come ogni anno apre l'estate dei festival...

"E' un'edizione molto speciale ma devo confessare anche sofferta nella preparazione per via dei campionati europei di calcio, che durante la primavera hanno “spaventato” l´amministrazione, al punto da voler ridurre, con mio grande disappunto, le giornate del festival, ma qui mi sono imposto, con la ferma convinzione che la cultura e il calcio possono e devono percorrere due vie parallele, senza per forza farsi male e senza cancellare eventi culturali storici come il nostro, per dare solo posto e attenzione al “grande fascino del pallone” da cui sembra che gli italiani siano ipnotizzati".

In che modo ti sei imposto dal punto di vista organizzativo?

"Con la Coop Eusonica ci siamo presi il “grande” rischio di presentare, a nostro “rischio”, scusa la ripetizione, i concerti del 20 giugno, in contemporanea con la partita Italia-Spagna. E ora speriamo che tra calcio e musica jazz non ci siano vincitori e vinti, grazie alla partecipazione del nostro amato e appassionato pubblico del Percfest".

Veniamo alla parte artistica...
"Al primo posto, nelle mie riflessioni sulla creazione del programma Percfest 2024, sicuramente spicca la presenza di molte jazziste “al femminile”. Ne troverete parecchie nella figura di band-leader e io penso che sia una bella svolta. Mi è piaciuto dare spazio e aumentare l´interesse verso donne, protagoniste in un genere musicale, che per motivi storici e sociali, é stato finora di un certo monopolio maschile, se non con grandi eccezioni, quella per esempio delle cantanti. Da qualche anno ormai osserviamo la crescita in ordine di numero e qualitá di ottime musiciste, che cominciano a invidiarci in molti, artiste capaci di muoversi bene e con grandi risultati nell'intricato mondo del jazz al maschile”.

Quali jazziste si esibiranno dunque al Percfest 2024?
"Troveremo giovani musiciste-cantanti come Francesca Tandoi e Eleonora Strino, il loro D.U.O. è fortissimo, swingante e effervescente, e ancora Cristina Renzetti e Tati Valle, con un progetto originale, delicato e molto melodico, e ancora la rising star tedesca Olivia Trummer, presenza costante negli ultimi anni con tanti bei progetti, e che ho la fortuna di avere nel mio quintetto. Come contraltare a questa gioventú rampante ho inserito una grande e “diversamente giovane” star del canto americana e da circa 25 anni europea, come Sandy Patton".

E il resto del cast?

"Chicche di grande batterismo sul palco 2024 con la presenza di master della batteria come Tullio De Piscopo e Ellade Bandini, sempre amati beniamini del Percfest, che con mio fratello Naco hanno vissuto un grande passato sui palcoscenici (fra l´altro mi ricordo che il primo concerto con Tullio e mio fratello lo abbiamo fatto nel 1982, qualche annetto fa, eravamo ragazzini). Con Tullio e Dado Moroni abbiamo creato “The Trio” e faremo un viaggio per omaggiare la musica di Pino Daniele, fratello musicale del nostro Tullio nazionale. Ellade lo ritroveremo ogni pomeriggio nei corsi gratuiti di batteria e percussioni, alle prese con le sue “Elliadi”, racconti di una vita in musica e domenica sera sul palco insieme al grande Danilo Rea, che sono orgoglioso di poter avere sul palco del Percfest dopo una lunga assenza. Un gradito ritorno sará quello dell´amico Hamid Drake, che mancava da dodici anni, batterista caposcuola e innovatore della scena di Chicago, che porta il suo interessante duetto LHASA, ormai uno storico duo col rinomato vibrafonista Pasquale Mirra. Un altro cambio di rotta musicale si ascolterá col gruppo di Sigurtá e Onorati, quartetto di grande impatto improvvisativo e a mio parere uno dei quartetti piú interessanti del momento in Italia. Per ultimo ma non ultimo, la presentazione del mio nuovo cd “Senza far rumore”, prodotto dalla mente ispirata di Giandomenico Ciaramella della etichetta Jando Music, che fra l´altro ha prodotto anche il bel cd di As Madalenas. Dicevo del mio nuovo gruppo, sono felice, al mio fianco quattro grandi protagonisti delle scene concertistiche, nuove musiche, a cui tengo in particolare, perché completamente diverse dai miei programmi precedenti per suoni, colori, dinamiche e contenuti e dove per la prima volta mi presento anche in veste di cantante e autore dei testi. Il cd lo abbiamo presentato a Roma con successo e ora con piacere al pubblico del Percfest".

Un programma vario ma sempre di alto livello...

"Come ogni anno ho cercato di creare un programma vario e a mio parere di alta qualitá, dove l´attento ascoltatore si troverá a suo agio, cosí come il neofita, che grazie alle differenti direzione musicali degli artisti invitati, potrá trovare la sua strada per cominciare ad amare la nostra musica. Per quanto mi riguarda, il Percfest 2024 e il mio nuovo cd, due grandi emozioni, per me ricomincia una nuova e eccitante avventura, ed è di questo che viviamo noi musicisti di jazz".
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 1 di 23