| Home | Cerca | Galleria Immagini | The Mellophonium Bookshop |
marted́ 25 gennaio 2022
Direttore: Romano Lupi
Responsabile online: Marco Scolesi
| News | Articoli | Rassegne | Recensioni | Interviste |
Rassegne
Orvieto: Umbria Jazz Winter 28 dal 29 dicembre al 2 gennaio 2022. Live esclusivo di Bill Frisell
Scritto da Marco Scolesi   
venerd́ 24 dicembre 2021
ORVIETO - Umbria Jazz Winter 27, quella del 2019-2020, è stata l’ultima manifestazione di Umbria Jazz a svolgersi in modo “normale”, senza dovere pagare un prezzo a cancellazioni, ridimensionamenti e costrizioni imposte dalla pandemia. Umbria Jazz Winter 28, dal 29 dicembre al 2 gennaio 2022, è la prima a tornare alla consueta formula. A Orvieto si era interrotta la normalità, e da Orvieto si riprende. Umbria Jazz Winter offre al suo pubblico ben cinquanta eventi in cinque giorni di festival, con un programma che comincia in tarda mattinata e finisce alle ore piccole. Sono di scena diciassette band, in grandissima parte residenti, per un totale di oltre ottanta musicisti sul palco. Ci saranno i consueti spazi, dal Teatro Mancinelli al Palazzo del Capitano del Popolo, dal Museo Emilio Greco al Palazzo dei Sette. Ci saranno i Jazz Lunch e i Jazz Dinner e due cenoni di fine anno al ritmo del jazz. Non mancherà la street parade della marching band - Funk Off, come da tradizione - che da sola significa festa e buonumore. A causa del Covid-19, però, che negli ultimi giorni è ritornato a livelli di rischio elevati, il programma ha subito e forse subirà delle modifiche, per questo è utile consultare frequentemente il sito www.umbriajazz.it. Radio Monte Carlo è la radio ufficiale.

LA CHITARRA

Il cartellone presenta innanzitutto un grande evento: il nuovo progetto di Bill Frisell, uno degli artisti più innovativi della scena contemporanea, con la Umbria Jazz Orchestra e con la direzione di un luminare dell’orchestrazione, in particolare delle grandi formazioni, Michael Gibbs. Il progetto è una produzione esclusiva di Umbria Jazz. Frisell sarà anche protagonista di una solo performance. Sempre in tema di chitarra, ascolteremo il solitario omaggio di Lionel Loueke a quello che lo stesso Loueke definisce il suo mentore, Herbie Hancock. E un altro grande chitarrista, il brasiliano Romero Lubambo, fa parte del trio di Sarah Mc Kenzie, elegante cantante-pianista che nel suo periodo formativo ha fatto esperienza anche nelle Clinics di Umbria Jazz, con il virtuoso del violoncello, anche lui brasiliano, Jaques Morelenbaum. Tre artisti il cui collante e` un approccio raffinato e non convenzionale alla canzone. Due chitarre anche nel trio Accordi Disaccordi, vecchia conoscenza di Umbria Jazz, che si presenta con ospite speciale la violinista Anais Drago.

LA CANZONE, PAROLE E MUSICA

Un filo conduttore è la forma canzone, declinata sia come vocalità che nella traduzione strumentale. Sofisticato cantante è Allan Harris, con la band che ha prodotto il suo ultimo disco, in cui rende omaggio, anche attraverso ricordi familiari, alla Harlem degli anni 50-60. Aria di famiglia, con il quintetto di Giovanni Tommaso e sua figlia Jasmine, vocalista affermatasi sulla scena californiana. In programma, canzoni evergreen italiane e americane. Ancora canzoni con il duo Luca Aquino-Giovanni Guidi, che così commenta il progetto: “Desideravamo suonare delle belle melodie, semplici e farle nostre: così nasce questo duo, in modo naturale e sincero”. Per finire, un garbato intrattenitore quanto solido musicista: è Nick The Nightfly, che con il suo quintetto ripropone un lungo itinerario musicale che va dalle hit degli anni d’oro del jazz fino alle canzoni di Sting.

UNA LEGGENDA DEL JAZZ

Un mito vivente del jazz è George Cables, hard bopper di grande tradizione e testimone diretto di alcune delle più grandi band del jazz. A Orvieto sarà con il trio (con ospite speciale il sax di Piero Odorici) e nella sempre suggestiva formula del duo pianistico. Il suo partner è Sullivan Fortner, di parecchi anni più giovane, uno dei trentenni di successo dell’attuale scena del jazz. Fortner sarà anche protagonista di alcune solo piano performance.

IL GRANDE JAZZ ITALIANO

“Al Gir dal Bughi” è il titolo del progetto che rivede insieme Dino Piana ed Enrico Rava, per un omaggio al trombonista che è stato uno dei padri del jazz moderno in Italia. Importante lo spazio riservato a Francesco Bearzatti, con due band: il Tinissima Quartet che presenta il suo recente “Zorro”, e un quartetto completamente diverso per un rivisitazione della musica del grande ma sottovalutato Tony Scott.
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 1 di 784
© 2022 The Mellophonium Online | P.I. 01241050085

 
Iscritto all'Albo della stampa periodica del Tribunale di Sanremo. Autorizzazione n° 1/03 del 4.2.2003
Seguici su: