| Home | Cerca | Galleria Immagini | The Mellophonium Bookshop |
domenica 20 gennaio 2019
Direttore: Romano Lupi
Responsabile online: Marco Scolesi
| News | Articoli | Rassegne | Recensioni | Interviste |
Il "Nice Music Live" riparte con il 2019. Spiccano Cory Henry, Garrett, Barber e Mc Lorin Salvant
Scritto da Adriano Ghirardo   
mercoledì 09 gennaio 2019
NIZZA - Neppure il tempo di riprendersi dalle ipercaloriche vacanze natalizie che l'amministrazione comunale nizzarda ci propone un piatto musicale ricco di qualità e varietà di generi. Dal 26 gennaio al 18 giugno, in varie locations della città, nel contenitore Nice Music Live, si esibiranno artisti francesi e di livello internazionale secondo lo schema che vuole far convivere jazz, blues, pop e musica etnica. Cory Henry, in libera uscita dagli Snarky Puppy, il ritorno (sempre gradito) di Kenny Garrett, il pianismo moderno di Yaron Herman e la classe di due signore del canto jazz come Patricia Barber e Cecile Mc Lorin Salvant sono tra gli eventi maggiormente attesi dagli appassionati jazzofili per il Nice Jazz Festival Sessions. Ma la presenza della star Lenny Kravitz, di Mayra Andrade per gli amanti del Brasile e del groove di Fred Wesley assicura serate aperte ad ogni esperienza sonora. Ecco, in dettaglio, la programmazione: Dime on Session-Les gavas de la ville 26 gennaio, Cory Henry 31 gennaio, Mesclun Nissart 2 febbraio, Nice Jazz Orchestra 1 e 2 febbraio, Mayra Andrade 7 febbraio, Fred Wesley 27 febbraio, Concert de Saxophones 28 febbraio e 1 marzo, Patricia Barber 8 marzo, Jenifer 10 marzo, Odezenne 14 marzo, Kenny Garrett 21 marzo, Pierre Bertrand e Caja Negra 22, 23 e 24 marzo, "Gospel pour 100 voix" 23 marzo, "Rencontre de Guitare" 28, 29 e 30 marzo, M il 28 marzo, Patrick Bruel 30 marzo, Disiz la Peste 30 marzo, Amir 4 aprile, Thelonious-The Loud Pearl 5 aprile, Azstaeir e Bantoo 5 aprile, Miossec e Laure Briard 5 aprile, Yaron Herman 6 aprile, The Australian Pink 11 aprile, Vitaa 18 aprile, Winston Mc Anuff e Fixi 24 aprile, Dime on Session-Jessica Smith 26 aprile, Lenni Kim 4 maggio, Live Attitude 2 4 maggio, Miss America 10 maggio, Eric Legnini 16 maggio, Lenny Kravitz 17 maggio, Sweem 17 maggio, Kids United 19 maggio, Cecile Mc Lorin Salvant 25 maggio, Nice Gospel Group 1 giugno, Kendji Girac 14 giugno, Love is Nice 18 giugno. Tra le anticipazioni dell'autunno-inverno Pascal Obispo, Born in 90 e Soprano. Per informazioni e acquisto biglietti: , 334 97135513, www.nicemusiclive.fr.
 
20 anni fa moriva Fabrizio De André: a Genova una giornata e un nuovo libro della Fondazione
Scritto da Marco Scolesi   
mercoledì 09 gennaio 2019
GENOVA - L'11 gennaio 1999, a Milano, moriva il cantautore genovese Fabrizio De André. In occasione del 20° anniversario della morte sono molte le iniziative in programma. Ne segnaliamo due, una nella sua Genova, l'altra nel settore editoriale.

IL MIO FABRIZIO

Venerdì 11 gennaio, nella Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale, a Genova, si svolge "Il mio Fabrizio-Giornata per Fabrizio De André". Un'intera giornata dedicata a Fabrizio De André, a vent’anni dalla scomparsa: si parte alle ore 11 con la proiezione no-stop di materiali video - interviste, apparizioni in tv, concerti - realizzata e curata da Vincenzo Mollica in occasione della retrospettiva "Fabrizio De André-La mostra", realizzata nel 2009 da Palazzo Ducale, si prosegue alle ore 14.30 con il tributo a De André del Coro Quattro Canti diretto da Gianni Martini per arrivare al cuore della giornata, alle ore 15, quando Dori Ghezzi, Cristiano De André, Gino Paoli, Neri Marcoré, Antonio Ricci, Fabio Fazio, Morgan, Mauro Pagani e Luca Bizzarri ricorderanno Faber raccontando il "loro" De André. Un evento di Regione Liguria e Palazzo Ducale, in collaborazione con il Comune di Genova.

ANCHE LE PAROLE SONO NOMADI

Fabrizio De André si è espresso artisticamente attraverso i brani che ha inciso nei suoi album e cantato durante i suoi concerti. Questo libro, "Anche le parole sono nomadi" (Chiarelettere), nasce dal desiderio di leggere, insieme e di nuovo, quei testi, scritti da Fabrizio De André o insieme ai suoi preziosi collaboratori, per riflettere sui contenuti che ha posto alla sua e nostra attenzione: gli ultimi, gli emarginati, il potere, la libertà, l'anarchia, la guerra, solo per citarne alcuni. In queste pagine sono raccolti più di quaranta brani che si sviluppano seguendo un nuovo percorso, curato dalla Fondazione Fabrizio De André Onlus, in cui le storie, i volti e i sentimenti cantati da Fabrizio De André non ci parlano solo di vite negate e di vite subite, ma anche di riscatto. Ad accompagnare i testi delle canzoni, le introduzioni e le riflessioni con cui De André presentava i brani in scaletta durante i concerti, alcune delle quali inedite o mai proposte in volume. Un libro non solo per gli appassionati del cantautore genovese ma anche per chi, come i più giovani, desidera scoprirlo. Da leggere nel proprio privato o in gruppo, per ascoltarne insieme le parole, come accade dagli anni Sessanta con i suoi dischi. Con una testimonianza di Dori Ghezzi.
 
© 2019 The Mellophonium Online | P.I. 01241050085

 
Iscritto all'Albo della stampa periodica del Tribunale di Sanremo. Autorizzazione n° 1/03 del 4.2.2003
Seguici su: