| Home | Cerca | Galleria Immagini | The Mellophonium Bookshop |
venerdý 29 maggio 2020
Direttore: Romano Lupi
Responsabile online: Marco Scolesi
| News | Articoli | Rassegne | Recensioni | Interviste |
COVID-19: "The Eddy", su Netflix la serie di Damien Chazelle ambientata in un jazz club di Parigi
Scritto da Marco Scolesi   
venerdý 08 maggio 2020
Uno dei film più riusciti sul jazz - "Round midnight" di Bertrand Tavernier con un immenso Dexter Gordon - è girato a Parigi, la "ville lumiere". Parigi è sempre stata meta di jazzisti americani, e non solo, e ancora oggi in tal senso mantiene intatto il fascino. Non a caso il regista premio Oscar Damien Chazelle, che all'ambiente del jazz aveva già dedicato "Whiplash", ha scelto proprio Parigi per la sua serie "The Eddy", nella quale il proprietario di un jazz club parigino si trova invischiato con pericolosi delinquenti, mentre lotta per difendere il locale, la sua band e la figlia adolescente. Chazelle, autore del noto "La la land", qui è alle prese con una poetica miniserie originale Netflix ambientata nel mondo dei jazzisti dei club parigini con la sceneggiatura di Jack Thorne. In particolare, negli otto episodi Elliot Udo (André Holland) deve tentare di salvare il locale che gestisce, mettendolo al riparo dagli affari criminali del socio Farid (Tahar Rahim), mentre arriva negli Stati Uniti la figlia Julie (Amandla Stenberg). Disponibile da oggi, venerdì 8 maggio, tutti gli episodi di cui si compone la prima stagione verranno caricati contemporaneamente e saranno disponibili lo stesso giorno, in piena emergenza sanitaria Covid-19, in tutti i paesi in cui è presente Netflix. Le riprese sono state effettuate a Parigi, dove ha luogo la storia narrata, che presenta dialoghi in inglese, francese e arabo. Chazelle, che come si evince dal cognome ha origini francesi, ha spiegato: "Ho sempre sognato di girare a Parigi, perciò sono doppiamente emozionato di collaborare a questo progetto con questa squadra e di aver trovato in Netflix la nostra casa". La storia ruota attorno a Elliot Udo, un tempo apprezzato pianista di New York che adesso fatica a mantenere a galla la sua nuova attività: un jazz club a Parigi, in periferia, che ha diversi debiti. Come se la sua situazione non fosse abbastanza critica, il suo socio Farid ha fatto qualche affare un po' ambiguo e ora i due si ritrovano a dovere un sacco di soldi a gente poco raccomandabile. Elliot non può nemmeno andare alla polizia, altrimenti gli farebbero chiudere il locale. In questo quadro la figlia Julie si trasferisce a vivere con lui. André Holland come detto interpreta Elliot Udo. Al suo fianco c'è Joanna Kulig, attrice polacca. Il suo ruolo è quello di Maya, cantante del jazz club con un problema di alcolismo, che però quando canta cattura l'attenzionea su di lei. Farid è Tahar Rahim. Mentre Amandla Stenberg è Julie. Alla fine tra tante vicissitudini e problemi sarà proprio la musica ad avvicinare padre e figlia. "Paris is a good jazz city", diceva Ryan Gosling a Emma Stone in "La la land". Qui, quindi, il cerchio si chiude e Chazelle può coronare il suo sogno. E noi, che facciamo del jazz la colonna sonora, non possiamo che esserne lieti.
 
COVID-19: il maggio di Radio 3 Suite Jazz con Rob Mazurek, Joshua Abrams e Matthew Shipp
Scritto da Marco Scolesi   
venerdý 24 aprile 2020
In assenza di concerti e rassegne jazz, che non si sa quando potranno ricominciare a causa dell'emergenza sanitaria Covid-19, vi segnaliamo i concerti proposti da Radio 3 Suite Jazz e curati da Pino Saulo, un appuntamento imperdibile per gli appassionati di buona musica live. Ecco il programma del mese di maggio. Martedì 5 maggio ore 21 Radio 3: "Ai Confini tra Sardegna e Jazz 2019", Joshua Abrams e Natural Information Society, registrato a Sant'Anna Arresi, piazza del Nuraghe, il 7 settembre 2019, Joshua Abrams contrabbasso e guimbri, Lisa Alverado, gong e harmonium, Jason Stein clarinetto, Mikel Patrick Avery batteria, Hamid Drake batteria e percussioni. Martedì 12 maggio ore 21 Radio 3: Lonnie Holey Trio, registrato alla Triennale Milano Teatro dell’Arte, l’1 novembre 2019, Lonnie Holley pianoforte e tastiere, Aaron Embry sintetizzatore, armonica e voce, Stevie Nistor batteria. Martedì 19 maggio ore 21 Radio 3: "Ai Confini tra Sardegna e Jazz 2019", Matthew Shipp Trio, registrato a Sant'Anna Arresi, piazza del Nuraghe, il 5 settembre 2019, Matthew Shipp pianoforte, Michael Bisio contrabbasso, Newman Taylor Baker batteria. Martedì 26 maggio ore 21 Radio 3: "Ai Confini tra Sardegna e Jazz 2019", Rob Mazurek e Exploding Star Orchestra “Re-immaginations Porgy and Bess”, registrato a Sant'Anna Arresi, l’8 settembre 2019, Rob Mazurek trombino e elettronica, Damon Locks voce e elettronica, Tomeka Reid violoncello, Pasquale Mirra vibrafono, Jason Stein clarinetto, Joshua Abrams contrabbasso, Lisa Alvarado harmonium, Mikel Patrick Avery batteria e percussioni, Hamid Drake batteria.
 
© 2020 The Mellophonium Online | P.I. 01241050085

 
Iscritto all'Albo della stampa periodica del Tribunale di Sanremo. Autorizzazione n░ 1/03 del 4.2.2003
Seguici su: