| Home | Cerca | Galleria Immagini | The Mellophonium Bookshop |
lunedì 29 novembre 2021
Direttore: Romano Lupi
Responsabile online: Marco Scolesi
| News | Articoli | Rassegne | Recensioni | Interviste |
Best Jazz 2021: anche quest'anno il Mellophonium.it seleziona i migliori cd. Confermate 7 categorie
Scritto da Csk   
domenica 07 novembre 2021
La redazione del Mellophonium on line rilancia, per l'undicesimo anno consecutivo, il Best Jazz 2021. Dopo molti anni di articoli, recensioni, rassegne e approfondimenti, la nostra rivista, ormai un punto di riferimento per gli appassionati di buona musica, a seguito del successo del 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020, ha deciso nuovamente di assumersi l'onore (e la responsabilità) di selezionare i migliori dischi jazz usciti nel 2021. Come sulla storica rivista Musica Jazz (ideatrice del Top Jazz), per tutti noi un esempio da seguire soprattutto sotto la direzione di Arrigo Polillo, anche sul Mellophonium on line i lettori potranno leggere il Best Jazz, una sorta di guida per orientarsi tra le migliori uscite discografiche, in questo caso del 2021. Verranno coinvolti giornalisti, critici musicali, musicisti, compositori, direttori artistici di festival, fotografi, scrittori, editori, discografici, operatori culturali e, più in generale, addetti ai lavori. I risultati verranno poi pubblicati a gennaio 2022 sul Mellophonium.it. La redazione pubblicherà tutte le singole liste (cd americani: dall'1 al 10; cd europei e di altri continenti: dall'1 al 5; cd italiani: dall'1 al 5; talento emergente, sia straniero che italiano: voto unico) tralasciando le classifiche finali. Il nostro Best Jazz, infatti, non vuole essere una "gara" tra musicisti, ma semplicemente un luogo dove trovare il miglior jazz uscito negli ultimi 12 mesi. Verranno inoltre riproposte altre due categorie: miglior concerto-live e miglior inedito-ristampa. Infine ci sarà sempre la possibilità, qualora fosse necessario segnalare ulteriori titoli interessanti, utilizzare la categoria aggiuntiva "Da ascoltare". Chi volesse partecipare al Best Jazz 2021 del Mellophonium on line può inviare la sua lista, entro il 6 gennaio 2022, all'indirizzo di posta elettronica Le selezioni verranno pubblicate dal 7 gennaio nella sezione News. Buona lettura, o meglio buon ascolto.
 
Nice Jazz Festival Sessions: dal 27 ottobre al 9 dicembre con Bertault, Portal, Bojan Z e Terrasson
Scritto da Adriano Ghirardo   
lunedì 18 ottobre 2021
NIZZA - La stagione jazzistica invernale, fatti i debiti scongiuri sul lato sanitario, si presenta interessante. Sia il pubblico che gli organizzatori sentono la necessità di una vera ripartenza culturale e Nizza, da sempre sensibile sull'argomento, non si tira indietro. Infatti, a far da contraltare alla storica rassegna estiva, vengono confermate le Nice Jazz Festival Sessions, quest'anno ospitate nella splendida cornice del Theatre Nationale de Nice. Saranno serate con doppio concerto e inizio alle ore 20, alternate tra la Salle Pierre Brasseur (16 novembre e 7 dicembre) e la Salle Michel Simon (25 novembre e 2 dicembre). Concerti anche al Conservatoire de Nice e all'Opera de Nice. In totale 6 date dal 27 ottobre al 9 dicembre. Il nuovo talento della vocalità jazz Camille Bertault, il grande Michel Portal in duo col pianista Bojan Z, l'organista Rhoda Scott, Manu Katché e il trio di Jacky Terrasson sono solo alcune delle sorprese che riscalderanno le fredde serate nizzarde.

LA PROGRAMMAZIONE

27 ottobre Manu Katché "The scope" (Conservatoire de Nice)

16 novembre Camille Bertault e Jacky Terrasson Trio (TNN)

25 novembre Sly Johnson e Guillaume Perret (TNN)

2 dicembre Obradovic-Tixier e Michel Portal con Bojan Z (TNN)

7 dicembre Rhoda Scott Duo e Robin Mc Kelle (TNN)

9 dicembre The Amazing Keystone Big Band e Nice Jazz Orchestra con Walter Ricci (Opera de Nice)

PRENOTAZIONI E DETTAGLI

Internet Nicemusiclive.fr e Tnn.notre-billetterie.fr, telefono 04 93131900.
 
© 2021 The Mellophonium Online | P.I. 01241050085

 
Iscritto all'Albo della stampa periodica del Tribunale di Sanremo. Autorizzazione n° 1/03 del 4.2.2003
Seguici su: